L'Associazione "IO NON VOTO", nata dall'idea di "reagire agendo", non si lamenta ma riflette, non si rassegna ma costruisce senza clamore, rinnega l'astensionismo elettorale come forma di protesta e comprende ma non condivide la protesta violenta, oltraggiosa ed eccessivamente provocatoria.

 

E' anche per queste ragioni che la scelta di voler entrare a far parte del Parlamento per rappresentare in questo modo il nostro stato d'animo è ogni giorno più condivisa:  le visite al sito sono costantemente in crescita, si moltiplicano gli iscritti alle newsletter, aumentano in modo rilevante gli iscritti alla sezione "PER PARTECIPARE" e, oggi, si festeggia la nascita del primo sito regionale  "IO NON VOTO in Liguria" creato con entusiasmo da gente comune stanca di sopportare ma anche di limitarsi a "borbottare".

Che sia uno spunto per tutti coloro che vogliano imitare tale iniziativa nelle altre regioni d'Italia.

 

 

“Io non voto ma voto”. Molti milioni di italiani non vogliono andare a votare. Per loro scende in campo il “partito del non voto” che, attraverso una lista civica nazionale recante nel proprio simbolo la scritta “IO NON VOTO”, sarà presente sulle schede elettorali, in tutta Italia, alle prossime elezioni politiche.

  

COMUNICATO STAMPA

“Io non voto ma voto”. Molti milioni di italiani non vogliono andare a votare. Per loro scende in campo il “partito del non voto” che, attraverso una lista civica nazionale recante nel proprio simbolo la scritta “IO NON VOTO”, sarà presente sulle schede elettorali, in tutta Italia, alle prossime elezioni politiche.

Nel 2006 ci siamo limitati a depositare con successo il simbolo al Vicinale ma, stavolta, “IO NON VOTO” sarà presente anche sulle schede elettorali pel l’elezione della Camera dei Deputati. In molte circoscrizioni è già in atto la raccolta delle firme necessarie per presentare le liste. Il progetto statutario è finalizzato :

 

·         a partecipare alle prossime elezioni politiche con una lista civica nazionale, contrassegnata dal simbolo associativo riportato in intestazione, per offrire un concreto riferimento ideologico nelle schede di voto anche a tutti i cittadini astensionisti abituali, esortandoli a recarsi alle urne per valorizzare i  sentimenti che finora li hanno indotti ad astenersi ;

 

·         a rendere disponibile una nuova opportunità per gli elettori che hanno scelto (o che intendano scegliere) l’opzione della “scheda bianca”, per tutti i cittadini delusi e disorientati che giudicheranno non più credibili le promesse e le proposte provenienti dagli attuali schieramenti politici e anche per tutti i movimenti, associazioni, comitati locali e liste civiche le cui istanze sono rimaste sempre inascoltate;

 

·         ad entrare a far parte del Parlamento con un nuovo soggetto indipendente che svolga, in modo assolutamente imparziale, tutti i compiti previsti dallo statuto associativo fra i quali è fondamentale quello di aiutare la ricerca sul cancro devolvendo alle relative associazioni che ne faranno richiesta la quota parte, spettante alla lista, delle ingenti somme riservate dalla legge 156/2002 ai partiti e ai movimenti che alle elezioni superano lo sbarramento dell’uno per cento (esempio: un partito che ottiene il 4%, riceve dal Parlamento una rata annuale di circa 6 milioni di euro).

 

ADESSO BASTA CON LA CASTA ! E’ finito il momento dei mugugni. E’giunto il momento di agire. Si invita a consultare il sito Internet www.iononvoto.it (E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) per trovare ogni informazione sull’iniziativa e le modalità di partecipazione.

 

                                 TUTTI I CITTADINI SONO INVITATI A PARTECIPARE A QUESTA ENTUSIASMANTE AVVENTURA !

 

Belluno, 31 gennaio 2008

 

IL PRESIDENTE FONDATORE  

 

                                                                                                                    Carlo Gustavo GIULIANA  

 

·         Per chiarimenti o approfondimenti riguardanti questo comunicato, recapiti:
Cell. privato 349.1834828 - E-mail :
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

      

L’Associazione “IO NON VOTO” nasce dal basso con un grande punto debole: non ha sponsor e non ci sono personaggi famosi o importanti che possano attirare l’attenzione dei principali mass media. L’Associazione nasce per iniziativa di gente comune che rappresenta la c.d. “società civile” ( sono presenti commercialisti, studenti e impiegati di Firenze, dirigenti pubblici, professionisti e pensionati di Palermo, medici di Reggio Calabria, Lecce e Pordenone, docenti, militari, studenti e avvocati di Roma, Udine, Torino e Belluno, impiegati e operai di Reggio Emilia, e, ancora, imprenditori, commercianti e, persino, disoccupati di altre svariate località d’Italia ). Quindi, un gruppo di semplici cittadini i quali, nonostante l’handicap di essere, appunto,“normali” e voler rimanere del tutto estranei alla politica e ai partiti, hanno condiviso la stessa idea e vogliono tentare ugualmente di realizzarla raggiungendo un obiettivo comune: inaugurare un nuovo tipo di approccio al voto che consenta, oltre a ridurre l’astensionismo, di far nascere un nuovo soggetto che possa perseguire nel Parlamento le finalità statutarie aiutando, anche, sistematicamente, la ricerca sul cancro. Consapevoli delle accennate difficoltà, i fondatori confidano sulla forza dell’idea e sul senso democratico di tutti gli operatori dell’informazione affinché l’iniziativa possa avere il giusto risalto mediatico. 

 

 Scarica il comunicato stampa

 

…E se decidessimo di farci rappresentare veramente da un Parlamento?

       LE CINQUE ISTANZE BASILARI DELLA LISTA “IO NON VOTO” PER RIDARE DIGNITA' AL PARLAMENTO


 
1.    Il Parlamento è uno spazio fisico, morale, culturale ed istituzionale allo stesso tempo. Non è un luogo ma il luogo del confronto delle idee e dei valori dai quali nascono le leggi di uno Stato sovrano.

2.    Solo in parte modesta il popolo italiano ha avuto, finora, nel Parlamento la sua più alta e legittima espressione. Con il passare degli anni il ruolo dei partiti è diventato letteralmente soffocante. Il Parlamento è stato così il luogo di scontro non di uomini liberi in un libero Stato ma di partiti contrapposti, affiancati, alleati o subalterni. “IO NON VOTO” è un movimento che intende rappresentare lo stato d’animo di milioni di persone oneste e promuovere la radicale rifondazione del Parlamento.

3.    E’ essenziale tornare al Parlamento, al ruolo del Parlamento. Camera o Senato, il Parlamento è l’unico luogo legittimo dove si esercita la sovranità del popolo e dove chi è eletto e deputato a fare le leggi deve esprimere le proprie idee. Tornare al ruolo storico, puro, del Parlamento è un’azione veramente rivoluzionaria.

4.    I Giornali, i talk-show, i porta-a-porta, le interviste ai telegiornali, i blog  della Rete e le prediche dei santoni telematici non possono essere il luogo migliore del confronto fra donne e uomini liberi. Il Parlamento deve essere il vero limpido luogo di espressione dei consensi, dei dissensi, dei dubbi e delle sfide, delle proposte e delle iniziative. Le leggi, e solo le leggi, devono condensare lo spirito di un popolo libero; se le leggi danno buoni frutti le si confermano e migliorano, se ne danno di cattivi le si abrogano e riscrivono. Ma, comunque, esse come espressione di un Parlamento liberamente eletto, vanno rispettate sempre.

5.    Il Parlamentarismo deve riappropriarsi della sua funzione di mettere a confronto pubblico, soggettivo e con ben precisi profili personali, le idee le proposte, i dubbi le istanze, le anime e le culture del nostro Paese. Tramite, e solo tramite, il confronto pubblico e trasparente può crescere una democrazia; il Parlamento può sbagliare e sbaglierà, magari tante volte, ma è un Parlamento, non il luogo di scontro dei partiti. Una legge può essere giusta o sbagliata ma essa deve essere espressione di una adunanza di donne e uomini liberi in un Paese libero. Questo è il nostro principale presupposto. Un sogno nato in Grecia più di duemila anni fa.

 

Pagina 5 di 5

Sostienici

Siamo fuori dalla CASTA e, quindi, non abbiamo le risorse pubbliche per sostenere la campagna elettorale. Possiamo contare solo sui contributi volontari : aiutaci, come puoi, attraverso una donazione, anche simbolica, sul nostro conto online che è gestito in modo onesto e assolutamente trasparente.

Newsletter

Intervista al Prof. Mannheimer

Noi siamo la differenza

Su questo sito usiamo i cookies. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.